Una delle caratteristiche antropologiche dell’Homo Sapiens è quella della capacità riflessiva.
Intellettuale oltre che istintiva,1881439-26874792-thumbnailanimale. Nulla a che vedere, per quello che ci riguarda in questa circostanza, con capacità mnemoniche. La creatività, il ragionamento astratto, il linguaggio e l’introspezione. Insomma a partire da ciò che, secondo le teorie dell’evoluzione e della storia del paleolitico medio, permisero alla specie Sapiens di capire, in seguito a una riduzione della popolazione globale per via di un evento particolare (che è tutt’ora in fase di studio ma che è stato ben delineato dalle teorie di Linneaus nel 1758), che era necessaria una migrazione dai posti originari. Che c’era bisogno di muoversi, ovvero di “fare qualcosa”. Dall’Africa, attraverso quello che è stato definito corridoio mediorientale, quell’uomo iniziò a colonizzare la Terra intera. Quell’uomo in definitiva subì una azione, se ne accorse, la capì, ipotizzò una strategia da attuare e decise una reazione.

 

Sommario

Perché

Quanto è grande questo sasso?

Quello che conta

Correva l’anno 1985

Sovranità perduta

Sovranità: dove trovarla?

L’obiettivo, dunque

Note

 

 

Valerio Lo Monaco è nato a Roma nel 1974. Giornalista dal 1997, ha iniziato a lavorare come inviato nel settore dello sport. Nel 2005 ha fondato e diretto una delle prime WebRadio in Italia, RadioAlzoZero (radioalzozero.net). Si occupa di metapolitica e comunicazione valeriolomonaco.it è il sito attraverso il quale entrare in contatto per conoscere tutte le attività e le date delle conferenze in calendario.
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com